Pubblicato su rivista americana nuovo studio sul Retinoblastoma effettuato a Siena

Pubblicato su una prestigiosa rivista americana lo studio dal titolo: RETINOBLASTOMA IS CHARACTERIZED BY A COLD, CD8+ CELL POOR, PD-L1-, MICROENVIRONMENT, WHICH TURNS INTO HOT, CD8+ CELL RICH, PD-L1+, AFTER CHEMOTHERAPY.
In questo studio sono stati analizzati 44 casi di retinoblastoma che sono stati enucleati presso la clinica oculistica di Siena dove si è osservato che i casi che sono stati enucleati dopo aver ricevuto chemioterapia, sistemica o intra-arteriosa, presentavano più cellule immunitarie (e quindi si classificavano come “tumori caldi”) rispetto ai casi che sono stati trattati con enucleazione in prima battuta (che quindi si classificano come “tumori freddi”).
Questo lavoro si inserisce nel contesto della ricerca di nuovi target terapeutici, soprattutto nel campo dell’immunoterapia. Lo studio è stato coordinato dalla staff di ricerca diretto dalla Prof.ssa Doris Hadjistilianou, membro scientifico ASROO e reso operativo dalla giovane dottoressa Maria Chiara Gelmi.